Racconti olimpici. John Stephen Akhwari, invincibile


Racconti

In “Temporale” Jovanotti canta l’invincibile non è quello che vince sempre, ma quello che anche se perde non è vinto mai. Una frase che si addice perfettamente a John Stephen Akhwari, maratoneta della Tanzania che alle Olimpiadi messicane del 1968 ha dato una lezione al mondo intero, dimostrando che un vero atleta è agile, forte, […]

18 Luglio 2016

RACCONTO. Charles


Racconti

Un piccolo peschereccio galleggiava solitario nel mare intorpidito, avvolto nella nebbia. Sembrava che volasse, in un unico bagliore grigio. In quell’atmosfera surreale, il porto s’intravedeva con i suoi muri giganti, che lo proteggevano dal mare, illuminato da lampioni tremolanti e dai piccoli fari delle enormi gru arancioni. Charles si strinse nel suo cappotto nero e […]

9 Settembre 2015

RACCONTO. I Quadri dei santi (PARTE 1)


Racconti

Quando Suor Giulia si svegliò, guardò istintivamente l’orologio appeso alla parete, erano le dieci e mezzo. Qualcuno bussava con tutta l’energia che aveva in corpo alla porta del convento e lei, per non svegliare le altre suore, decise di andare ad aprire senza far rumore.

7 Settembre 2015

La partita di Ilario. RACCONTO


Racconti

  In questi giorni in cui il gioco del calcio è minacciato da notizie che non fanno altro che offuscare la sua bellezza volevo proporvi questo racconto, in cui il protagonista è il Calcio, con la C maiuscola, che si gioca con la palla e la passione.  Il campo era un’ immensa distesa di mattonelle, simili […]

29 Maggio 2015

Ti dico che sei morto. RACCONTO


Racconti

Ho aperto il portone di casa al signor Kite alle tre e venti di pomeriggio. É entrato come tutti i giorni con la solita richiesta: “Hai un tubetto di dentifricio in più?”, poi si è seduto in cucina e gli ho offerto il solito thè al limone, accuratamente preparato mentre lui caricava il tabacco nella […]

23 Maggio 2015

RACCONTO. CHI HA COSTRUITO QUELLA CASA E’ UN COGLIONE


Racconti

L’orologio appeso al muro segnava più o meno le due e mezza di pomeriggio quando il signor Antonio entrò nel bar. Parcheggiata la sua panda grigia alla meno peggio, in divieto di sosta, salutò senza ricevere risposta e si infilò nel locale. Per il viale non c’era un’anima. “Una birra” chiese quasi sottovoce; il barista […]

18 Maggio 2015

Come un truffatore che pensa di aver fregato un babbeo


Racconti

Rimettersi a suonare la chitarra a 27 anni, dopo che l’avevi sepolta in garage tra addobbi natalizi e ombrelloni ripiegati non è una bella sensazione. Specie dopo che avevi detto a tutti che con la musica, serate, impianti, scalette e accordi non volevi più cimentarti. Lì per lì è stata una bella sensazione: smettere con […]

16 Maggio 2015

Il cliente bisogna saperlo trattare


Racconti

La ragazza del bar mi guarda sorridente, ma capisco che quello è il mio ultimo pomeriggio da barista. Mandata a fanculo la mia carriera di giornalista di paese, poteva essere un’occasione per rivedere banconote nel portafoglio, dopo mesi di penuria passati a contare i centesimi per arrivare all’euro. Mi presento al colloquio e mi aspetta […]

13 Maggio 2015